Home » MONDO

MONDO

  • L'Avana in fermento, da domani parte il secondo Vertice degli Stati latinoamericani e caraibici

    Si tratta del Celac, la comunità voluta dallo scomparso leader venezuelano Chavez. Dopo oltre 50 anni sarà invitato il segretario dell'Osa.

    25/01/2014 16:34

    Cuba ultima i preparativi per accogliere, a partire da domani, i lavori del II Vertice della Celac, la Comunità degli Stati latinoamericani e caraibici, il meccanismo di integrazione fortemente voluto dallo scomparso leader venezuelano Hugo Chávez per promuovere il reinserimento regionale del governo dell’Avana.

  • In Egitto continuano gli scontri. E lo scenario ricorda sempre più quello algerino degli anni '90

    Altri tre dimostranti sono stati uccisi nel corso di scontri con le forze di sicurezza: le violenze si sono verificate a Alf-masqan, Giza, nella zona orientale del Cairo. Lo riferiscono fonti della sicurezza. Il bilancio dei morti sale così a 9 vittime.

    25/01/2014 16:19

    In Egitto altri tre dimostranti sono stati uccisi nel corso di scontri con le forze di sicurezza: le violenze si sono verificate a Alf-masqan, Giza, nella zona orientale del Cairo. Lo riferiscono fonti della sicurezza. Il bilancio dei morti sale così a 9 vittime.

  • No ai ladri d’acqua in Palestina, no all’accordo Acea-Mekorot. Un appello di Boicottaggio, disinvestimento, sanzioni

    Il 2 dicembre 2013, durante il vertice Italia-Israele, l’Acea, principale operatore italiano nel settore idrico, e la Mekorot, società idrica nazionale di Israele, hanno sottoscritto un Memorandum d'intesa.

    24/01/2014 13:24

    Il 2 dicembre 2013, durante il vertice Italia-Israele, l’Acea, principale operatore italiano nel settore idrico, e la Mekorot, società idrica nazionale di Israele, hanno sottoscritto un Memorandum d'intesa. L’accordo prevede la collaborazione nel settore delle delle risorse idriche con lo scambio di esperienze e competenze. L’esperienza che la Mekorot ha maturato, però, è fatta di gravi violazioni del diritto internazionale e dei diritti umani.

  • Attacco kamikaze al Cairo. 13 morti e decine di feriti negli scontri

    24/01/2014 10:45

    Attacchi alla vigilia dell'anniversario della rivolta contro Mubarak. Cresce il numero dei morti. Decine i feriti. Per la prima volta un attentato suicida nella storia recente della capitale egiziana, in massima allerta. Scontri tra manifestanti pro-Morsi e polizia. Gravemente danneggiato il museo islamico. Rivendicazione del gruppo jihadista Ansar Beyt el-Makdes.

  • Siria, Ginevra2 parte in salita

    22/01/2014 11:49

    L'americano Kerry subito all’attacco: «Assad fuori da governo di transizione». Pronta la replica siriana: «Nessuno ha il diritto di rimuoverlo dall’estero». Appello del papa: «Ogni sforzo per la pace».

  • «Siria, sbagliato non invitare l'Iran»

    21/01/2014 12:48

    Il ministro degli esteri russo Lavrov dopo la decisione di Ban Ki-moon di ritirare l'invito su pressione americana: «Teheran poteva avere un ruolo nella risoluzione della crisi siriana». Ma a Ginevra non ci sarà nemmeno il Consiglio nazionale (l'opposizione siriana in esilio): «Nessun negoziato finché Assad è al potere».

  • Siria, anche l'Iran a Ginevra

    20/01/2014 09:29

    Il segretario generale dell'ONU Ban Ki-moon ha invitato anche Teheran al negoziato sulla crisi siriana che si svolge mercoledì in Svizzera. Protesta l'"opposizione" anti-Assad, che minaccia di disertare il tavolo se l'invito non sarà ritirato.

  • "Womenareurope" per le donne spagnole

    19/01/2014 18:03

    Le donne spagnole si sono mobilitate per il 1° febbraio: partiranno da più città verso la stazione Athoca di Madrid e poi si recheranno davanti al Parlamento per sostenere l’esigenza del mantenimento della legge attuale su salute sessuale e riproduttiva e sull'interruzione volontaria della maternità. L’appello di Womenareurope ha coinvolto le donne italiane che si rivolgono ai movimenti femminili chiedendo di partecipare compatte e diffondere la proposta.

  • Il sindacato serbo al governo di Belgrado: "Non contro il nostro popolo"

    18/01/2014 16:49

    Il governo serbo sta radicalmente cambiando la già fragile impalcatura della legislazione lavorista vigente. L'entità delle modifiche è tale da risultare catastrofica per i lavoratori e per i ceti popolari che da 15 anni sopravvivono in condizioni che è eufemistico definire precarie: sia coloro che un lavoro l'hanno ancora, sia i tanti che non l'hanno più, sia, ancora, i giovani che non l'hanno mai avuto. Non c'è capitolo della legge vigente che non sia stato manomesso e peggiorato. Come si vede il liberismo parla la stessa lingua a tutte le latitudini. Ma il sindacato lì non ci sta e organizza la lotta.

  • Egitto, il referendum sulla Costituzione è un plebiscito. Ma l’affluenza è solo al 38%

    18/01/2014 16:23

    Il 96,2% dice “sì” alla nuova Costituzione e consacra il governo militare che lo scorso luglio ha destituito il presidente Mohammed Morsi. I dati sono ancora ufficiosi ma sono già sufficienti all’esercito per parlare di “vittoria della democrazia”. L’unico punto debole, e che tradisce le aspettative, è l’affluenza del 38,5%, solo cinque punti percentuali in più del referendum sulla Costituzione islamista del 2012.

Pagina 8 di 312

Naviga tra le pagine

  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5
  6. 6
  7. 7
  8. 8
  9. 9
  10. 10
  11. 11
  12. 12
  13. 13
  14. 14
  15. 15
  16. 16
  17. 17
  18. 18
  19. 19
  20. 20

Cerca in Liberazione.it

Archivio del giornale

Multimedia

  • foto