Home » MONDO

MONDO

  • San Salvador: la "Primera vuelta" del Fmln

    31/01/2014 20:10

    A tre giorni dalle presidenziali previste, ricordiamo, domenica 2 febbraio, la campagna elettorale si è definitivamente chiusa ieri sera, e diversi sondaggi danno il Fmln vincente addirittura al primo turno. Una vittoria di queste proporzioni segnerebbe il consolidamento di quel processo in cui finalmente al governo sono rappresentati gli strati sociali più bassi della popolazione e non la solita oligarchia e le solite elite. Guardiamo a questo appuntamento elettorale e respiriamo aria di ottimismo, incrociamo le dita per domenica e speriamo di riportare in Europa un po' di aria di vittoria.

  • Il disastro ucraino

    31/01/2014 17:53

    Sui media italiani, ormai da qualche mese, va in onda la telenovela di Kiev: brutti contro belli, buoni contro cattivi, russi contro europei, democratici contro post-comunisti autoritari. Tutto facile, tutto scontato, finché anche i nostri giornali, obtorto collo, si sono accorti che nelle piazze ucraine si aggirano pure brutti ceffi dal tratto fascistoide, quegli stessi energumeni che erano stati osannati qualche settimana prima per aver abbattuto l’ultimo ricordo dell’Unione Sovietica, una statua di Lenin che sembra ancora ossessionare le notti di tanti cantori della libertà.

  • Raul Castro proclama America Latina e Caraibi "zona di pace" libera da armi nucleari

    La decisione al termine del secondo vertice del Celac riunito in questi giorni all’Avana, conclusosi con un grande successo diplomatico per il governo comunista .

    30/01/2014 12:23

    La decisione al termine del secondo vertice della Comunità dell’America Latina e dei Caraibi (Celac) riunito in questi giorni all’Avana. “Consapevoli che la pace è il bene più alto e desiderio legittimo di tutti i popoli e che la sua conservazione è un elemento sostanziale dello sviluppo e dell’integrazione dell’America Latina e dei Caraibi, proclamo solennemente questa, una zona di pace” ha detto il presidente cubano. Il vertice si è concluso con un grande successo diplomatico per Cuba.

  • Gli operai serbi scioperano compatti e vincono!

    29/01/2014 17:22

    "Siamo molto, molto soddisfatti per l'esito dello sciopero, in special modo perché a volerlo ed organizzarlo è stato il sindacato Samostalni di Kragujevac. L'intera Serbia è confluita in Belgrado. A seguito della mobilitazione, una nostra delegazione è stata ricevuta dal primo ministro Ivica Dacic, che ha garantito il ritiro della famigerata Legge sul lavoro (un provvedimento con cui si incentivavano gli investimenti esteri abbattendo salari e diritti dei lavoratori, ndr), il blocco del provvedimento sulla bancarotta delle aziende e la legge sulle privatizzazioni. Nel corso dell'incontro noi abbiamo chiesto le dimissioni del ministro dell'Economia. Oggi abbiamo avuto la risposta. Il ministro si è dimesso!"

  • Obama al Congresso: svolta nel 2014, "Se mi bloccano agirò da solo"

    29/01/2014 09:56

    E' un Obama determinato, quello che parla al congresso nel suo quinto discorso sullo Stato dell'Unione. Un Obama consapevole - almeno così pare - della condizione di stallo in cui giacciono molte delle sue promesse per troppo tempo rimaste lettera morta e ostaggio dei Repubblicani e delle lobbies, dentro e fuori il suo stesso partito. Il presidente americano si è detto deciso a fare del 2014 l'anno della svolta per l'America, un anno di azione per affermare la sua agenda politica e sociale. ''L'America non resterà immobile - ha assicurato - e tantomeno il suo presidente''. Vi è ovviamente da chiedersi perché non abbia usato eguale determinazione nel lustro precedente. Staremo a vedere.

  • Ucraina, si dimette il premier Azarov

    "Lascio per trovare una soluzione pacifica al conflitto"

    28/01/2014 13:47

    ''In questi anni difficili - ha detto nel rassegnare le dimissioni - io ho fatto di tutto perchè l'Ucraina si potesse sviluppare normalmente come uno Stato europeo democratico. Io prendevo le decisioni e mi assumevo la responsabilità nell'interesse del popolo ucraino e quindi posso guardare onestamente negli occhi di ogni cittadino del nostro Paese, di ogni connazionale''.

  • E Obama vuole la "scala mobile"

    28/01/2014 13:25

    A sorpresa il presidente Usa annuncia un decreto per innalzare il salario minimo dei lavoratori a 10,10 dollari (oggi è a 7,25) scavalcando il Congresso. E proporrà l'indicizzazione del compenso orario all'inflazione.

  • Siria, primo accordo per un corridoio umanitario

    26/01/2014 18:47

    L'inviato Onu Brahimi annuncia che donne e bambini potranno lasciare subito Homs, la città siriana assediata da un anno e mezzo dalle forze lealiste.

  • Egitto in fiamme, E' di 49 morti il bilancio degli scontri delle ultime 24 ore

    26/01/2014 10:36

    Almeno 1.079 persone sono state arrestate. Da 3 luglio scorso uccisi oltre mille pro-Morsi. Tre anni dopo la cacciata di Hosni Mubarak, il Paese è ancora costretto a fare i conti con battaglie nelle strade, attentati e attacchi nel Sinai. Alcuni, in Occidente, hanno evocato una sorta di 'strategia della tensione', intravedendo la possibile longa manus dei servizi segreti negli ultimi clamorosi attentati. Una tesi che trova proseliti anche in Egitto: ma qui si punta l'indice contro le 'potenze straniere', Usa in testa, che fomenterebbero il caos. Ipotesi contro ipotesi: quel che è certo che l'Egitto, stretto nella morsa della crisi in Libia (5 diplomatici egiziani rapiti a Tripoli) e quella israelo-palestinese, è costretto a fare i conti con i problemi interni e rischia di essere un altro di quei Paesi dove lo spettro di al Qaida tornerà a manifestarsi.

  • Ucraina sull'orlo del baratro

    26/01/2014 10:06

    Il presidente Viktor Ianukovich, con una mossa a sorpresa, si è detto disponibile a sostituire il fedele premier Mikola Azarov per affidare il governo ai suoi avversari politici: oggi ha proposto un esecutivo guidato da Arseni Iatseniuk, capogruppo del partito di Julija Timoshenko, con il 'dottor Pugno di Ferro' Vitali Klitschko vice premier per gli affari umanitari. Ma l'opposizione ha respinto la proposta. Ora il rischio è di precipitare nella guerra civile.

Pagina 7 di 312

Naviga tra le pagine

  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5
  6. 6
  7. 7
  8. 8
  9. 9
  10. 10
  11. 11
  12. 12
  13. 13
  14. 14
  15. 15
  16. 16
  17. 17
  18. 18
  19. 19
  20. 20

Cerca in Liberazione.it

Archivio del giornale

Multimedia

  • foto